Trasparenza climatica

L'iniziativa indica la "Climate Change Litigation Strategy", sia contenziosa che paracontenziosa, nei riguardi di opere climalteranti o imprese italiane e multinazionali, nel quadro delle Linee OCSE di "Due Diligence" e dei Climate Principles for Enterprises, finalizzata a far valere il diritto a essere informati sui danni climatici conseguenti alle emissioni climalteranti rispetto al "Carbon Budget" e al "tempo restante" ancora disponibili, in ragione della presunzione legale di dannosità fossile, nonché l'adempimento in buona fede e correttezza delle obbligazioni climatiche private (le quali sono riconducibili anche all'art. 2055 Cod. civ.), in conformità con i principi di precauzione climatica e adeguatezza nella valutazione dei rischi, sulla base della Costituzione, dei Trattati europei, della Convenzione europea sui diritti umani e degli artt. 833, 844, 949, 1171, 1172, 1173, 1218, 1989, 2043, 2050, 2051, 2055, 2086 e 2381, ult. c., Cod. civ., oltre che del d.lgs. 33/2013, quando applicabile.
Referenti:
Michele Macrì, Raffaele Cesari, Luca Saltalamacchia, Antonella Mascia, Veronica Dini

Documenti principali:
1) Ricorso amministrativo 58 cittadini vs. MISE, per proroga metanodotto TAP nell'emergenza climatica

2) Intervento ad opponendum TAR Lazio Peacelink vs. Società Acciaierie d'Italia/MITE, per arresto Batteria12 impianto Taranto e Ordinanza del TAR Lazio n. 4030/2021

3) Ricorso proposto davanti al Tribunale dell'Unione Europea per i finanziamenti BEI al gasdotto TAP in violazione diritto UE e assenza di analisi costi-benefici

4) Istanza presso il Punto Nazionale di Contatto OCSE in Italia sulle emissioni di metano degli allevamenti intensivi